Il tone of voice fa parte della tua brand identity: rappresenta il modo in cui ti rivolgi al tuo pubblico di destinazione e può determinare l’efficacia del tuo messaggio. Ecco cos’è e perché è importante nel marketing.

Il mondo è bello perché è vario, dice un famoso proverbio.

Sei d’accordo?

In effetti, ognuno di noi è unico nel suo genere e ogni persona che incontri ha delle caratteristiche distintive, dai lineamenti del viso all’impronta digitale. Non solo: anche il modo di esprimersi ci rende diversi gli uni dagli altri.

Pensa a tutti quelli che conosci: c’è chi è sempre simpatico ed educato, chi un po’ più invadente o sfrontato, chi più timido e riservato… Alcune persone dicono così tanto in poche parole, altre parlano e parlano, ma sembrano non arrivare mai al punto.

Fatto sta che il modo in cui ti esprimi influenza la tua comunicazione, fino a modificare (nel bene o nel male) ciò che gli altri percepiscono – ossia potresti compromettere quello che stai dicendo a causa di come lo stai dicendo.

E, ovviamente, nel marketing vale esattamente la stessa cosa!

Già, perché quando promuovi il tuo brand, non dovresti preoccuparti solo della qualità dei contenuti che proponi, dei canali che usi, della coerenza con il tuo posizionamento e la tua identità.. ma anche del tone of voice con cui ti rivolgi ai destinatari del tuo messaggio.

Ne hai mai sentito parlare?

Letteralmente, si traduce con “tono di voce”: fondamentale nel linguaggio verbale, assume un’importanza incredibile anche nei tuoi contenuti scritti.

Sai, spesso nel lavoro di branding ci si concentra molto sull’aspetto visivo di un marchio, dai caratteri ai colori, dalla grafica al design. Una volta che hai un logo ben definito, potresti pensare che sia tutto ciò che ti serve per affrontare il mercato: dimentichi però che ciò che conta, oltre a tutto questo, è anche il modo con cui ti approcci al pubblico.

Questo perché il tuo marchio è molto di più del semplice nome della tua azienda: rappresenta i tuoi valori, le tue credenze e la tua filosofia di mercato.

Il tone of voice definisce quindi le caratteristiche della tua comunicazione; se unico e riconoscibile, ti aiuta a distinguerti dal resto dandoti personalità, cosa che al giorno d’oggi è più importante che mai per emergere dalla massa delle chiacchiere digitali.

Ma questo già lo sai: nel caos dei contenuti proposti online, hai pochi secondi per attirare l’attenzione del tuo target e conservarla. Un tone of voice chiaro e distintivo rientra proprio tra gli strumenti a tua disposizione per riuscirci.

Ok, ma cos’è esattamente? E perché è così importante per ogni strategia di marketing che si rispetti?

Te lo spiego subito!

Cos’è il tone of voice?

Immagina di essere a una cena con degli amici, dove c’è quello che tutte le volte sa intrattenere raccontando storie e aneddoti in modo coinvolgente: le parole che usa, il suo linguaggio e la sua personalità si fondono per creare una vera e propria esperienza per chi lo ascolta. Così succede che ogni volta che senti una storia simile, pensi immediatamente a lui.

Ok, ora immagina che quella persona rappresenti il tuo brand: se così fosse, quali tratti della personalità avrebbe e come si esprimerebbe davanti agli altri? Quali parole sceglierebbe e quali invece eviterebbe del tutto? Sarebbe serio o divertente? Formale o amichevole?

Ecco, la risposta a domande di questo tipo ti fa capire come potrebbe essere il tuo tone of voice, che verrebbe fuori in ogni tuo messaggio, dalle newsletter ai post sui social media, dalle email agli annunci pubblicitari.

Quindi, come possiamo definirlo?

Il tone of voice è il modo in cui il carattere del tuo business emerge dalle tue parole: non si tratta di quello che dici, ma piuttosto di come lo dici. È direttamente responsabile dell’impressione che fai sul tuo pubblico.

Questo comprende non solo le parole che scegli, ma anche l’ordine, lo stile, il ritmo. Non significa scrivere bene o creare un messaggio forte, ma saper usare il linguaggio per dare alla tua comunicazione un’impronta distinta e riconoscibile.

Ne esistono diverse tipologie: può essere freddo e istituzionale, serio e assertivo, colloquiale e informale oppure ironico e amichevole.

Dal sito web ai tweet, dalle brochure ai video, il tuo tone of voice è ovunque e si applica a tutti i canali e punti di contatto col pubblico. Riflette non solo la personalità del tuo marchio, ma anche i tuoi obiettivi e valori, aiutandoti a connetterti con il tuo target e a distinguerti dalla concorrenza.

Se è vero che può cambiare di volta in volta, a seconda dei destinatari, dei media, dei formati di contenuto che utilizzi e dell’obiettivo finale che stai perseguendo, è altrettanto vero che dovrebbe essere coerente in ogni contenuto che offri. Questo per invogliare il pubblico a fidarsi di te e a riconoscerti: quando le persone leggono le tue parole dovrebbero sempre sapere che sei tu.

Brand voice e tone of voice: qual è la differenza?

Forse ti è ancora capitato di imbatterti in quest’altra espressione, brand voice, e quindi ora ti stai chiedendo qual è la differenza con il tone of voice del tuo marchio.

Te lo spiego subito.

Sebbene i due concetti siano correlati (e abbiano nomi simili), la voce e il tono del marchio hanno due scopi ben distinti.

Il brand voice rappresenta la prospettiva unica del tuo marchio e i valori che rappresenta: in altre parole, è l’identità e la personalità del tuo brand, che si riflette nel posizionamento nel mercato. È ciò che ti rende unico e riconoscibile e consente al tuo pubblico di capire chi sei; è uno e uno soltanto.

Il tone of voice, come dicevamo prima, è invece il modo in cui decidi di comunicare con il tuo pubblico, inclusa la scelta delle parole, lo stile di comunicazione e il tono emotivo. Questo può cambiare in base a ciò che è più appropriato per ogni situazione e riflette l’umore e i sentimenti della tua scrittura, aiutandoti a connetterti con i tuoi destinatari attraverso i tuoi contenuti.

In pratica, la tua voce non cambia, ma il tono dovrebbe, a seconda della sensazione che stai cercando di trasmettere.

Per capire meglio, pensa a te stesso: come individuo, hai una prospettiva e una personalità distinte, che rimangono essenzialmente le stesse durante tutte le tue interazioni quotidiane. Tuttavia, il modo in cui parli alle persone in ciascuna di queste interazioni è diverso, non trovi?

7 motivi per cui il tone of voice è importante

Albert Mehrabian, psicologo statunitense, è famoso per la sua teoria secondo cui la comunicazione è sempre composta da tre parti, che influiscono in modo diverso sulla sua efficacia: le parole che usi per il 7%, il tono di voce per il 38% e il linguaggio del corpo per il 55%.

Perciò, se pensi ad esempio a dei contenuti scritti, dove non puoi sfruttare le espressioni del volto o la postura a sostegno di ciò che dici (potresti se mai farlo in un video), il tono che assumi ha un peso non indifferente.

Non solo: può darti tutta una serie di vantaggi e rendere la tua comunicazione particolarmente funzionale ai tuoi obiettivi.

Ecco perché.

tone of voice

#1 Ti rende umano

Al di là dei benefici razionali, gli acquirenti di tutti i tipi cercano valori ed emozioni dietro un’offerta o un marchio. E come fare a renderli espliciti? Con il tone of voice! 

Esso esprime la personalità del tuo brand, rendendolo meno fittizio e più tangibile. In fondo, alla gente piace trattare con le persone: è fondamentale che percepiscano come dietro quel prodotto o servizio ci sia un essere umano, che possono riconoscere e a cui possono legarsi.

#2 Ti aiuta a influenzare e persuadere

Una volta qualcuno mi ha detto: “Le persone non sempre ricordano quello che dici o quello che fai, ma ricordano sempre come le hai fatte sentire”.

Sei d’accordo?

In effetti, spesso nei tuoi contenuti devi “vendere senza vendere”, ed è qui che un buon tono di voce è davvero utile (a proposito, se non hai ancora letto il mio articolo sul copywriting persuasivo, lo trovi qui).

Le parole che usi modellano il modo in cui i tuoi clienti ti vedono e possono aiutarti a costruire una connessione emotiva con loro. E questa connessione emotiva è ciò che aiuterà a stabilire prima una vendita e poi una relazione continua: uno studio pubblicato tempo fa dall’Harvard Business Review ha dimostrato come il coinvolgimento sia più importante della soddisfazione del cliente quando cerchi di farlo agire come tu desideri.

#3 Crea lealtà e fiducia

Il più delle volte, se una persona ti piace, ha molto a che fare con il suo tono di voce, incluso il modo in cui ti parla, ti fa sentire o ti tratta in generale.

Lo stesso vale per il tuo brand: il tone of voice è uno dei modi più potenti per esprimerne l’identità e guadagnare la fedeltà e la fiducia dei clienti. Il tuo compito è di fare in modo che sia coerente con la tua immagine e con il messaggio che stai veicolando in ogni contenuto che crei.

Sai, esiste un forte legame tra familiarità e fiducia. Poiché qualcosa di familiare richiede poco sforzo per essere elaborato mentalmente, è più probabile che ci sentiamo a nostro agio al riguardo, perché sappiamo cosa aspettarci. Pensando in questo modo, devi essere coerente nell’uso del linguaggio così che la tua scrittura diventi familiare al cliente. La creazione di un tono di voce specifico, quindi, gioca un ruolo cruciale in questo.

#4 Ti aiuta a differenziarti

Non è quello che dici, è come lo dici che ti fa guadagnare attenzione e credibilità.

Di questo te ne ho già accennato all’inizio: nel caos dei content marketing digitale, un tono distintivo del marchio ti dà le migliori possibilità di entrare in contatto con le persone.

Un tone of voice ben definito può aiutarti a distinguerti dalla concorrenza comunicando in modo efficiente ed efficace con il tuo pubblico. Può rendere memorabile il tuo marchio poiché crea una connessione e un legame di fiducia nella mente dei tuoi consumatori. E con questa connessione, le persone saranno più coinvolte, il che avrà un impatto sulle tue vendite e sui tuoi ricavi.

#5 Costruisce autorevolezza

Pensa ai TED talks o altre conferenze a cui hai partecipato: chi parlava stava perfettamente immobile, recitando fatti noiosi ma convincenti con una voce implacabile e monotona? O era vivace, divertente e memorabile, e riempiva il palco con la sua passione? E che effetto aveva questo sulla tua percezione?

Esatto, è come quando si dice “darsi un tono” per affermare la propria credibilità.

Il tone of voice può essere un enorme portatore di autorevolezza e convinzione: ti aiuta a mostrare  la tua esperienza e competenza a riguardo, mostrando sicurezza e fiducia in ciò che dici.

#6 Ti dà concentrazione

Lavorare sul tone of voice può essere un’ottima tattica per pensare all’identità della tua azienda. Dovendo ridurre tutto a qualcosa di chiaro e semplice che chiunque possa capire, questo ti aiuta automaticamente a eliminare il disordine e la confusione.

Il tuo tono può anche aiutarti a stabilire una direzione strategica, individuando le caratteristiche della personalità del tuo brand che ti permettono di crescere in mercati sempre più affollati e competitivi e concentrandoti sulla nicchia (o i segmenti) che sono per te più rilevanti.

#7 Ti rende consistente

Il pubblico si aspetta coerenza nella tua comunicazione: se un giorno sei serio e l’altro fai battute, questo può creare confusione. Un po’ come quando hai a che fare con una persona lunatica e non sai mai come prenderla.

Sì, è proprio come in una relazione: la coerenza nei comportamenti aiuta a capirsi, creando vicinanza e intimità, che a loro volta si traducono in fiducia e lealtà reciproca.

Qualche suggerimento

Definire un tone of voice per il tuo marchio dovrebbe essere una parte essenziale della tua strategia di content marketing. È un processo complesso e c’è molto da decidere prima ancora di iniziare; è molto più che scegliere parole chiave o mettere insieme alcune frasi. 

Se ti stai chiedendo come trovare il tuo tone of voice e sfruttarlo nella comunicazione, ecco qui qualche breve suggerimento.

Ovviamente, il punto di partenza è sempre la definizione di chi sei, cosa fai e dei valori che ti rappresentano: prima di poter pensare a come scrivi, devi decidere cosa scrivere. Perciò chiediti, cosa vuoi dire al mondo? Solo dopo aver definito lo scopo principale della tua comunicazione puoi iniziare a costruire il tuo tone of voice. Questo ti aiuterà non solo a trovare le parole per comunicare in modo efficace, ma anche a connetterti meglio con i tuoi clienti.

Il passo successivo è la comprensione di chi è il tuo pubblico: con un’idea chiara di quali sono le loro esigenze o necessità, puoi sviluppare una visione di ciò che il tuo marchio vuole dire e determinare come utilizzare il linguaggio giusto per trasmettere il tuo messaggio.

Con questi elementi, puoi definire il tone of voice del tuo brand: ricorda che dovrebbe essere sempre distinto, coerente, pratico, coinvolgente e pertinente. E dovrebbe risultare personale, appropriato e degno di fiducia da parte del tuo target di destinazione.

Conclusione

Il tuo tone of voice rappresenta il tuo business: ti aiuta a comunicare l’identità e i valori del tuo marchio, creando fiducia, credibilità e autorevolezza agli occhi delle persone.

Questo spiega come mai è importante che sia coerente e riconoscibile e perché pensarci in modo più strategico dovrebbe essere una parte fondamentale della tua strategia di branding e marketing.

Il tone of voice trasforma il tuo business in qualcosa di tangibile e umano, a cui le persone possono affidarsi in caso di necessità.

E tu, hai già trovato il tuo?