Attuare una strategia di Referral Marketing è più semplice di quanto credi: ecco 7 azioni per innescare il passaparola e invogliare i tuoi clienti a raccomandare il tuo brand.

Come ti dicevo nello scorso articolo, il Referral Marketing è uno dei metodi più validi per aumentare lead, conversioni e vendite: grazie al passaparola, le persone si rivolgono a te o acquistano i tuoi prodotti perché si fidano del suggerimento di un amico, un familiare o magari di quell’influencer che seguono sui social e di cui ascoltano tutti i consigli.

Del resto, come già spiegato, si tratta di un meccanismo naturale: anche a te viene spontaneo condividere la tua esperienza, far sapere quali prodotti compri e quali marchi scegli. 

Dico bene?

Ok, quindi ora non ti resta che fare una cosa: capire concretamente come metterlo in pratica.

Si tratta di attuare una vera e propria strategia, con una serie di azioni volte a coinvolgere i tuoi clienti come portabandiera del tuo business, che suggeriscano ad altri la tua offerta come soluzione ai loro problemi o necessità.

Tranquillo, non si tratta di nulla di particolarmente complicato. Ti sto per mostrare 7 azioni che puoi compiere da subito, per innescare un potente passaparola a vantaggio del tuo business.

Eccole qui!

#1 Offri un servizio clienti impeccabile

I clienti felici e soddisfatti condividono di più. E come si rendono tali? Con un servizio assistenza eccezionale. Questa è la prima cosa che devi fare, come presupposto fondamentale per ogni campagna di Referral Marketing.

Sai, molte aziende in realtà forniscono il minimo indispensabile: tu non accontentarti, valuta sempre l’esperienza d’acquisto che offri, guardandola dal punto di vista del cliente e chiedendoti: “Se io fossi in lui, la condividerei con i miei amici?”.

Considera quali sono i tuoi punti di forza e migliora quelli di debolezza, fai in modo che i tuoi clienti possano davvero contare su di te per un’assistenza continua ed efficace. Loro vogliono che tu li ascolti e risolva i loro problemi: sii rapido e disponibile nel rispondere a domande, critiche o feedback.

Assicurati anche che chi si occupa del servizio sia sempre reattivo, autentico e coerente quando comunica con il tuo pubblico.

#2 Offri un’esperienza “wow”

Per far sì che i tuoi consumatori facciano passaparola, devi offrire loro qualcosa di cui parlare: un prodotto, servizio o esperienza WOW. Questo significa letteralmente avere quel surplus che mandi in visibilio le persone e che le faccia dire “Che esperienza fantastica, devo dirlo a tutti!”. 

Esistono molti modi per fare Referral Marketing così: uno di questi è ad esempio confezionare il tuo prodotto in modo tale da invogliare i clienti a creare un fantastico video di unboxing e condividerlo poi sui loro profili – qualcosa che oggi è diventata una vera e propria mania sui social.

#3 Rendi facile la condivisione

Assicurati sempre di rendere il più facile possibile la condivisione dei tuoi prodotti e la raccomandazione del tuo brand. In che modo? Con piccoli ma efficaci accorgimenti, come ad esempio aggiungendo link di condivisione sui social o sul tuo sito web, o scrivendo specifiche call to action nei tuoi post su Facebook o nelle tue storie di Instagram.

Più in generale, il design e l’esperienza utente sono fondamentali. Rendi il tuo programma di Referral Marketing il più semplice possibile da usare: deve essere chiaro come funziona e quali vantaggi comporta per i tuoi clienti.

Pensa a tua mamma, a tuo nonno, anche al bambino di quinta elementare: riuscirebbero a capire come fare per raccomandarti ai loro amici? Sarebbe facile e veloce? Se la risposta è no, vuol dire che c’è qualcosa da migliorare.

#4 Offri gli incentivi giusti

Oggi è molto difficile che tu ottenga recensioni, commenti e condivisione da parte degli utenti sui social in modo naturale: per stimolarli a promuovere il tuo brand, devi dare loro qualcosa in cambio. Dopotutto, un programma di Referral Marketing si basa proprio sull’idea di premiare i tuoi clienti per aver diffuso la voce.

Ci sono diversi incentivi che puoi adottare. Uno dei più popolari sono gli sconti, che offri sia al cliente che ha fatto l’acquisto, sia ai suoi amici tramite l’utilizzo di un codice. Oppure puoi offrire un omaggio esclusivo a chi condivide e commenta l’esperienza avuta con il tuo brand sul suo profilo.

Infine, puoi lanciare dei loyalty program per fidelizzare la tua community e far sì che parlino di te e della tua azienda. Un esempio pratico? Creare un contest per vincere dei biglietti, un’esperienza da sogno e spingere a condividere tutto con i propri amici.

referral marketing

#5 Investi sugli influencer

Gli influencer possono essere una miniera d’oro per innescare il passaparola attorno al tuo marchio: la chiave sta nel trovare quelli giusti, il cui seguito sia il più vicino possibile al tuo target di riferimento.

E non pensare di doverti rivolgere subito alla Chiara Ferragni di turno: esistono tantissimi influencer che hanno un pubblico piccolo, ma reattivo. Può essere sufficiente contattare un blogger o uno YouTuber popolare, chiedendo loro dei post sponsorizzati o la recensione dei tuoi prodotti.

L’influencer marketing può essere un’utile via di mezzo tra la pubblicità tradizionale e la raccomandazione in prima persona; questa tipologia ti permette di far conoscere la tua offerta e di iniziare a costruire una clientela fissa anche se sei solo agli inizi.

#6 Stimola le recensioni

Come ti ho già detto, la gente si fida più dell’opinione degli altri consumatori che del parere di un venditore.

In effetti, se ci pensi, prima di spendere soldi per qualsiasi cosa (che sia una cena al ristorante o l’acquisto di uno smartphone), a tutti noi piace leggere le recensioni online per valutare le migliori opzioni disponibili – e ridurre il rischio di insoddisfazione. 

Ecco perché dovresti incoraggiare i tuoi clienti a lasciare delle recensioni dopo i loro acquisti, in modo che tutti possano vederle e decidere di acquistare. Più facile sarà lasciare un feedback, maggiori saranno le probabilità che lo facciano. Aumenterai così il coinvolgimento, la credibilità, la fiducia e, di conseguenza, la tua base clienti.

#7 Promuovi il tuo programma

Se hai un programma di Referral Marketing, è d’obbligo che tu ne parli il più possibile: promuovilo su tutti i tuoi canali di marketing, trattandolo un po’ come se fosse il lancio di nuovo prodotto.

Includilo nel tuo sito web, usa l’e-mail marketing e le newsletter per dare informazioni a riguardo a tutti i tuoi contatti, crea un blog specifico a cui colleghi l’offerta, infine annuncialo sui social media e rendilo virale.

Conclusione

Bene, come vedi, hai a disposizione moltissime alternative per concretizzare la tua campagna di Referral Marketing e sfruttarla per aumentare la tua brand awareness.

L’ultimo consiglio che voglio darti è quello di fare attenzione ai numeri e monitorare il tutto attraverso l’analisi dei dati. Tieni traccia del successo degli incentivi utilizzati, verifica in quanti hanno aderito al passaparola e monitora le conversioni sull’e-commerce. Se coinvolgi blogger e influencer, controlla i risultati sia in termini di esposizione del post e visite, sia in termini di conversioni e vendite effettuate.

Sfrutta anche Google Analytics, per identificare la presenza di link esterni e siti che già ti citano (così puoi contattarli e studiare insieme un piano per acquisire più traffico).

Infine, mi raccomando: punta sempre a creare delle relazioni solide con i tuoi attuali clienti, perché solo così li incoraggerai davvero a fare qualcosa per te. Sii sempre trasparente e credibile ai loro occhi, mostra che li apprezzi e che sei grato per la loro fedeltà: la fiducia sarà lo stimolo numero uno per farti raccomandare ad altri. 

Photo by Nick Fewings on Unsplash