Ti odio, non capisci nulla, muori!

Haters e altri leoni da tastiera

È inevitabile, quando tiri su la testa dal gregge, c'è sempre qualcuno pronto a colpirti con una sassata.

Se lavori nel web marketing lo avrai visto accadere un milione di volte sui social e questo trend non accenna minimamente a calare, anzi, sembra che i social siano diventati la palestra dell'odio e del più errato modo di appropriarsi del diritto d'opinione.

Non voglio certo mettermi a parlare di quanto idiota sia comportarsi in questo modo e non voglio fare una disamina sulle malate tendenze della popolazione che si nasconde dietro ad una tastiera.

Tutt'altro.

Siccome ti reputo una persona intelligente, altrimenti non saresti iscritto a questa newsletter 😅 voglio darti dei consigli su come gestire situazioni sgradevoli che prima o poi ti capiteranno.

Vediamo i vari tipi di haters e come comportarsi (poi magari se ne conosci di altro genere, rispondimi e fammi sapere).

😎 So tutto io e tu non sai un ca22o

Questo tipo si divide in due sotto gruppi, quello che effettivamente ne sa e vuole romperti le palle perché gli dai proprio fastidio (magari è un competitor in ascesa, ma che si trova un paio di gradini sotto a te) oppure è un vero idiota.

Nel primo caso non devi preoccuparti, semplicemente smascheralo e rispondi qualcosa del tipo "ma tu invece di pensare a fare business, hai veramente così tanta voglia di commentare sotto ai post del competitor che ti sta facendo le scarpe?"

Nel secondo caso, basta procedere per prove, verificare che il nostro interlocutore è solo un pallone gonfiato e poi dirgli qualcosa tipo: "ma i tuoi risultati dove sono?"

🤢 Non sei nessuno

Gli invidiosi, rosiconi, quelli che crepano pur di riconoscere che qualcuno ce l'ha fatta e sta ottenendo ottimi risultati.

A me dicono che non guadagno, che non ho clienti, che non capisco nulla di marketing online... ma per carità magari certi commenti fossero solo rivolti al sottoscritto, perché poi leggo cose tipo "Tony Robbins non sa cosa dice", "I Pink Floyd sono commerciali", "Valentino Rossi non sa andare in moto", "Quentin Tarantino, l'ultimo film era meglio".

Mentre quelli della categoria precedente avevano qualcosa da dire o argomentare, questi sono semplicemente spiazzanti sono ogni punto di vista. Non hanno neanche capito di cosa si sta parlando e allora... la risposta migliore da dare è "Fallo tu se sei più bravo".

Di solito battono in ritirata dopo poco perché sono dei veri e propri scappati di casa, senza arte ne parte.

🎩 Sei un truffatore, vai a lavorare

Ora capisco che a qualcuno possa dar fastidio che ci sono persone che fanno un lavoro diverso dal fornaio, dal meccanico, dal postino... ma bisogna che ci si svegli un tantino, siamo nel 2020 e forse ci sarebbe da capire che il lavoro, il mercato del lavoro, e le professioni si sono un po' evolute.

Se ti danno del truffatore la risposta migliore è quella di presentargli la lista dei tuoi clienti, per quantità e qualità e dire "quindi mi stai dicendo che ho truffato tutte queste persone e sono ancora in libertà?".

A quelli che invece ti dicono "vai a lavorare" la risposta è ancora più facile "scusa ma tu che ci fai a quest'ora sui social, non lavori?".

🤮 Io dico quello che voglio, ho libertà di parola

Eh sì... ma ce l'hai se non dici stronzate. Nel senso che non basta poter aprir bocca per potersi arrogare il diritto di dire a tutti, tutto.

Questi di solito sono i peggiori che si prendono la libertà di dirti tutto quello che vogliono e se provi a rispondere passi subito dalla parte del torto perché sei "arrogante e saccente".

Ecco... questi vanno bannati senza pietà.

☠️ Devi solo morire

Questi sono quelli a cui non rispondo.

Agli insulti e alla maleducazione non c'è cura, quindi li elimino senza pietà.

Prima però li avverto che li metto nelle slide del mio prossimo speech, senza censurare il nome anzi... linkando il loro profilo. Visto che hanno avuto il coraggio di dire certe cose in pubblico, su un social, non c'è nessuna violazione della privacy.

Qualche volta aggiungo... "chi sa che ne pensa del tuo comportamento il tuo collega / capo / familiare....".

Non sai i dietro-front, scuse affrettate e tremarelle che ho causato.

⭐ Una lezione per tutti

Quando sei sui social tu sei padrone dei tuoi contenuti, questo significa due cose:

1. che ne sei pienamente responsabile: sei responsabile di quello che dici, dei giudizi, dei commenti e anche delle allusioni che fai; prendersi una querela per diffamazione o calunnia è un attimo. Ricordati che se anche non fai nomi ma almeno 3 persone riescono ad intuire di chi parli, la querela scatta.

2. Che anche gli altri, quelli che interagiscono con te, devono sottostare alle stesse regole e se si trovano sulla tua pagina, sotto i tuoi annunci, nel tuo profilo o nel tuo gruppo... TU sei padrone di casa.

Se i social ti danno il potere di bloccare, eliminare e bannare qualcuno, USALO.

Tu che ne pensi?

Hai mai avuto a che fare con haters e scappati di casa?

Rispondimi e dimmi che esperienze hai avuto o se conosci qualche altro tipo di hater da aggiungere alla classificazione che ho fatto.

LIBRO CONSIGLIATO

Odio Ergo Sum di Paolo Ruffini

Cogito Ergo Sum di Paolo RuffiniMolto interessante il libro di Paolo Ruffini che di haters ne ha incontrati a bizzeffe, e della razza peggiore: quella che fa discriminazione per condizioni fisiche.

Dalla sinossi del libro: "Lo scopo del libro è evidenziare che le critiche d'odio, spesso usate da queste persone in rete unicamente come strumento lesivo contro terzi, sono al più risibili e non valgono la pena di essere presi sul serio. Il modo migliore per sdrammatizzare e disinnescare il potenziale negativo e la violenza verbale di questi fastidiosi commenti è quello di riderci sopra."

Che ne pensi? Lascia il tuo commento qui sotto.

Ti è piaciuato questo articolo?

Condividilo sul tuo blog, sui tuoi canali social e con i tuoi contatti!

Valerio Fioretti

Valerio Fioretti è lo specialista del web marketing per le piccole e medie imprese.

A differenza di tutti gli altri consulenti/coach che puntano a insegnare agli hobbisti o ad aspiranti marketer, Valerio offre formazione specializzata e consulenza operativa solo agli imprenditori che vogliono sfruttare appieno le incredibili opportunità del marketing online ed essere due passi avanti rispetto ai loro competitor.

Questo significa formazione specializzata e consulenza personalizzata sul marketing online, mirate a trasferire all’impresa - in maniera semplice, rapida e diretta - solo le strategie di cui ha bisogno per essere al primo posto e ottenere risultati misurabili.

Close