Come il link tracking può cambiare la tua strategia di marketing e di misurazione dei KPI.

Ogni azienda online ha bisogno di un modo per attirare nuovi clienti.

Ciò è particolarmente vero per le aziende che operano su Internet, che hanno maggiori possibilità di raggiungere i potenziali clienti rispetto alle aziende che hanno una sede fisica o che possono essere incontrate solo di persona.

Per attirare il maggior numero possibile di potenziali clienti, dovete fare tutto il possibile per far loro conoscere i vostri servizi e prodotti e invogliarli a decidere se acquistare o meno da voi.

Un modo per farlo è utilizzare numeri o codici di tracciamento, in modo che le persone che visitano il vostro sito web o la vostra app possano essere identificate e tracciate da uno strumento di analisi, così da sapere esattamente che tipo di impatto i vostri servizi stanno avendo sulla vostra azienda, il che vi dà l’opportunità perfetta per migliorare ciò che non funziona e vedere cosa esattamente deve essere cambiato, se c’è qualcosa.

Tuttavia, l’utilizzo di questi numeri non è solo un’operazione di facciata. Alcuni non si rendono conto di quanto siano importanti queste piccole cose quando si tratta di tracciare i risultati e migliorare le prestazioni, ma se non si sta attenti si potrebbe finire per fare più male che bene.

Link tracking e web analytics

LINK TRACKING & WEB MARKETING

Con il  web marketing la musica cambia.

Non solo si verificano (e si pagano) le operazioni di marketing per le reali risorse che vengono realmente impiegate per raggiungere l’obiettivo, ma si ha la possibilità di testare diverse soluzioni, valutarne i risultati ed arrivare a conclusioni che mai avresti potuto immaginare.

Esempio: Campagna Advertising di Facebook Tralasciando l’enorme vantaggio che si ha nel poter selezionare un target altamente ricettivo ed ottimizzato, se sai come effettuare il tracking e gli split test, sarai in grado di:

  • trovare gli annunci con una resa migliore
  • sapere quale target risponde meglio al vostro messaggio
  • capire quale landing page converte di più
  • modellare l’azione di follow-up in base ai dati collezionati

Il meccanismo è tanto semplice quanto geniale. Ad ogni annuncio associ un diverso link generato dal software di tracking, che porta con se i dettagli dell’annuncio stesso, come ad esempio il nome assegnatogli, un identificativo del target o un ID generico che ti permetta di risalire all’origine. In ogni caso tutti i link conducono sempre alla landing page che stai testando.

Come (spero) ben saprai, ogni landing page che si rispetti ha come obiettivo la conversione (registrazione di un utente, vendita di un prodotto, ecc…) e ogni pagina  ha sempre una thank-you page o pagina di conversione, che viene visualizzata dal contatto convertito, ovvero che ha portato a termine l’azione per la quale lo abbiamo inviato proprio lì. In questa thank-you page tu andrai preventivamente ad inserire il codice di verifica che il software di tracking ti fornisce. Così facendo, si possono monitorare tutte le conversioni in modo scientifico.

Ecco cosa accade in sintesi e quali dati puoi raccogliere:

  1. gli utenti vedono i tuoi annunci (e tracci le impressions)
  2. qualche utente clicca (e tracci i click per ogni annuncio)
  3. qualcuno di questi poi, atterrato sulla tua landing page, compirà l’azione che tanto speri, ad esempio si registra: la thank-you page viene visualizzata a fine processo (e tracci le conversione)

Tirando le somme saprai chi è ora un tuo utente/cliente, da quale annuncio è arrivato, quali sono gli annunci inefficaci, quale target risponde meglio alla tua offerta, che valore e ROI ha avuto la tua campagna… e se la fai più professionale, quale landing page converte meglio (ma questa è tutta un’altra storia).

A questo punto, con tutti questi dati in mano, potrai trarre le tue conclusioni ed aggiustate il tiro.

Per fare un buon tracking ci sono tantissimi strumenti, sia gratuiti che a pagamento.

Io ti segnalo queste due soluzioni che uso in diversi ambiti (anche qui su Valerio.it):

Prosper 202 RedTrack – Gratis ma difficile da gestire e va installato sul vostro server (no Aruba please…).

Pretty Links Pro – A pagamento ma si installa con 1 click su qualsiasi sito in WordPress e su tutti i siti che volete, permette di mascherare i link e di fare lo split test in automatico.

Assicurati di scegliere il codice di link tracking giusto

La scelta di un codice di tracciamento sbagliato per il tuo sito web o la tua app può effettivamente ridurre la quantità di contatti ottenuti. Se utilizzi un link, assicurati di scegliere il tipo di link che vuoi utilizzare.

Utilizza un codice di collegamento esterno solo se sei sicuro che sia l’opzione migliore per il tuo sito web o la tua app.

Se non disponi di informazioni sufficienti sulle abitudini di navigazione dei tuoi potenziali clienti, potrebbe essere un’idea migliore utilizzare un link testuale standard invece di un codice di collegamento esterno.

La cosa più importante nella scelta di un codice di tracciamento è che abbia senso per il pubblico a cui verrà utilizzato.

Ad esempio, se il tuo pubblico di riferimento è costituito da adolescenti, l’uso di un codice di tracciamento per i social media avrebbe senso perché è più probabile che visitino i siti dei social media rispetto a qualsiasi altro sito su Internet. Scegli con saggezza e non pensare troppo a questa fase: Non farà male a nessuno!

Stabilisci i tuoi obiettivi prima di iniziare a misurare

Prima di iniziare a utilizzare questi numeri, è necessario stabilire i propri obiettivi.

Se il tuo obiettivo è quello di saperne di più su quali parole chiave funzionano per te e su quali contenuti ottengono il maggior numero di clic, fissatelo come obiettivo.

Se stai osservando le metriche e cerchi di stabilire se sono abbastanza interessanti da continuare a monitorarle, allora devi decidere i tuoi obiettivi prima di iniziare a misurare qualcosa. Spesso si commettono errori quando si cerca di misurare le metriche fissando prima gli obiettivi.

Potresti scegliere l’obiettivo di quante persone visitano il proprio sito web o app, ma non si pensa a come i servizi influiscono sul numero di visitatori che ricevono nel tempo.

Ciò significa che se il sito web viene visitato da un numero eccessivo di persone senza link tracking, ciò potrebbe essere dannoso per l’azienda, in quanto le visite non forniscono dati utili all’azienda.

“Che tipo di commenti posso aspettarmi da questo strumento di analisi web?”.

La prima cosa che la maggior parte delle persone si chiede quando misura le proprie metriche con gli strumenti di web analytics è “Che tipo di commento posso aspettarmi da questo strumento di web analytics?”.

Il più delle volte, a questa domanda viene data una risposta generica del tipo “ce lo diranno i dati”.

Se questo è tutto ciò che la persona ha sentito dire, allora assisterà a un occasionale picco di traffico senza sapere cosa lo ha causato e senza trarre da quelle visite alcun dato utile all’azione, il che potrebbe potenzialmente danneggiarla nel lungo periodo se non sa cosa sta facendo di sbagliato. Invece di concentrarsi sullo strumento da utilizzare,

Ricontrollare i dati prima di prendere decisioni

Il primo errore che molti commettono è pensare che lo strumento di analisi sia affidabile.

Si presume che tutto ciò che lo strumento dice sia accurato, mentre in realtà potrebbe fornire informazioni sulle prestazioni inferiori alla media.

Queste ipotesi sbagliate possono portare a prendere decisioni che non offrono un buon ritorno sull’investimento (ROI). Se la tua azienda ha una presenza online, uno strumento di analisi gratuito come Google Analytics può essere uno dei modi migliori per misurare i tuoi sforzi di marketing e determinare se la tua strategia attuale è efficace o meno.

Tuttavia, prima di affidarsi a qualsiasi dato proveniente da questo tipo di strumento, è bene ricontrollarlo per assicurarsi che sia accurato.

Dovresti anche tenere conto di tutte le altre fonti di dati a vostra disposizione, come gli strumenti di monitoraggio dei social media o i software di email marketing, in modo da avere tutte le informazioni disponibili prima di apportare modifiche importanti.

Non fare affidamento sulle medie quando si riportano i dati

Un errore comune che le aziende commettono quando riportano i dati è quello di affidarsi alle medie, piuttosto che ai risultati effettivi.

Questo è un problema perché le medie nascondono i singoli numeri e spesso inducono a trarre conclusioni sbagliate sulla propria attività.

È importante riportare i dati cercando di capire come e perché funzionano o non funzionano, invece di affidarsi alle medie.

Ad esempio, se stai cercando di monitorare i clic sul sito web per vedere quale campagna pubblicitaria ha il maggior numero di clic, dovreste confrontare la quantità media di clic per campagna con la quantità effettiva di clic per ogni campagna.

Non seguire i visitatori che non sono interessati a te

Uno degli errori più gravi che si possono commettere è cercare di tracciare e misurare le conversioni che non sono interessate alla vostra attività.

Questo produrrà risultati imprecisi e più persone visitano il tuo sito web o la tua app ma non si convertono in clienti, più è probabile che abbia un impatto negativo sul vostro tasso di conversione complessivo.

Quindi, se hai un sito web o un’app che ha lo scopo di vendere un prodotto online, non essere tentato di monitorare le persone che entrano nel sito ma non acquistano nulla. Se segui solo coloro che entrano e poi escono dal sito senza effettuare un acquisto, rischi di fallire.

Non ha senso seguire i visitatori che vanno a visitare altri siti web. Anche se all’inizio può sembrare un divertimento innocuo, a lungo andare potrebbe costarti molto di più.

Conclusione

Quando si parla di marketing, le metriche sono importanti e te parlo in questi due post sulle web analytics:

Web Analytics (Pt. 1): cos’è e come funziona

Web Analytics (Pt. 2): Strategia e 4 Best Practices

Ma lo è anche capire quali metriche monitorare. Ci sono molti fattori diversi che concorrono a misurare il successo, e uno dei più importanti è il link tracking.

Questo blog post fornisce cinque errori che le aziende commettono quando misurano i loro numeri di link tracking. Gli errori discussi in questo blog post sono comuni perché sono facili da commettere e possono causare grossi problemi in seguito.

Quindi ricorda: assicurati di scegliere il codice di tracciamento giusto, di fissare i tuoi obiettivi prima di iniziare a misurare, di ricontrollare i dati prima di prendere qualsiasi decisione e di non basarti sulle medie quando valuterai i dati.